Autoriciclaggio: timori per un’applicazione troppo estensiva della norma

Share on linkedin
Share on twitter
Share on facebook

Confindustria, con la Circolare n. 19867 del 12 giugno 2015 esprime timori per un’applicazione troppo estensiva della norma.

Il reato di autoriciclaggio è stato introdotto nel codice penale dalla legge n. 186/2014, approvata lo scorso Dicembre per disciplinare il meccanismo della cd. voluntary disclosure, diretto a favorire il rientro dei capitali detenuti all’estero.

Il reato (nuovo art. 648­ ter. c.1, c.p.) punisce colui che impiega, sostituisce, trasferisce in attività economiche, finanziarie, imprenditoriali o speculative il denaro, i beni o le altre utilità derivanti dal delitto non colposo (di seguito, anche “reato­ base”) che lo stesso ha commesso o concorso a commettere.

Ciò a condizione che la condotta sia idonea a ostacolare concretamente l’identificazione della provenienza illecita della provvista.

La Circolare in oggetto presenta alcune condivisibili preoccupazioni sul campo di applicazione del delitto di cui al nuovo art. 648-ter. c.1 c.p., anche se, nella seconda parte, riporta alcune considerazioni sulla responsabilità degli enti e fornisce alcuni suggerimenti per l’adeguamento dei modelli organizzativi a tratti criticabili.

Le questioni affrontate riguardano, in particolare:

  • reati tributari e condotte di ostacolo;
  • identificazione dei cosiddetti “reati base”;
  • impatti sui modelli organizzativi.

Asso231 ha analizzato i contenuti della Circolare in oggetto, esprimendo il proprio parere sulle suddette questioni.
Dal sito di Asso231 è possibile scaricare il testo integrale del citato Parere.

Vuoi saperne di più sulla compliance?

Nell’area riservata trovi tanti vantaggi esclusivi
Alfredo Sannoner

Alfredo Sannoner

Alfredo Sannoner è Dottore in ingegneria e calligrafo, ha una ampia competenza nei Sistemi di Gestione ed è un esperto di analisi organizzativa e di rischio secondo il decreto legislativo 231/01, nonché membro di numerosi Organismi di Vigilanza. Completa la sua esperienza professionale la conoscenza della normativa GDPR. Inoltre, è formatore sulle tematiche D.Lgs 231/01 e GDPR. Trasparenza, lealtà, competenza ed etica sono probabilmente i suoi valori più importanti nel suo lavoro quotidiano lavoro. Consulente senior di Probitas e PK Consulting da più di 15 anni.

Iscriviti a Portale 231

Il portale di riferimento della compliance in Italia

Iscriviti alla Newsletter

Luglio 2015
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Articoli correlati

Mettiti alla prova!
Quanto ne sai
di compliance?

Fai il test per scoprirlo subito

Torna su